CALCIO

Barcellona e le sue rivoluzioni

In molti hanno già definito il 17 aprile 2018 una data storica per il mondo del calcio. Forse esagerano. Noi ci limitiamo a dire che è sicuramente così per il movimento calcistico spagnolo, specie per quegli appassionati che vivono il calcio tra rivendicazioni di...

Lettera aperta a Gianluigi Buffon

Era il 2004 quando all’età di sette anni iniziavo a guardare attivamente partite alla TV e in quell’estate, nel corso degli Europei che rocambolescamente sarebbero stati vinti dalla Grecia, decidevo che sarei voluto diventare un portiere. Guardandoti difendere la...

Da Madrid a Torino: storie di ovazioni

«Ranieri vuole l’ovazione per Del Piero. Ranieri vuole concedere l’ovazione del Bernabeu a Del Piero! Vediamo un po’: sentiamola tutta. Tutti in piedi ad applaudire Del Piero, bellissimo! Grandissima soddisfazione per il Capitano che si inchina al pubblico: tutto in...

Il paradosso di Joao Cancelo

L'arrivo di Joao Cancelo all'Inter, nella finestra estiva di mercato, non ha eccessivamente scaldato i cuori dei tifosi nerazzurri, che festeggiavano forse con più gioia la partenza di Geoffrey Kondogbia, ultimo di una lunga lista di oggetti misteriosi passati per il...

Maracanazo, il finale perfetto per il Mondiale più strano di sempre

Il mondiale del 1950 può essere considerato l’edizione più incredibile di tutta la storia. In molti si ricordano il finale, ovvero il Maracanazo, ma in pochi sanno che già a partire dall’organizzazione ci furono molte sorprese a partire dall’esclusione della Germania Ovest e Giappone, ritenute colpevoli dell’inizio della seconda guerra mondiale.

Uno più uno non fa due!

Liverpool, sabato 17 marzo. Il Liverpool passeggia a Anfield e demolisce il Watford con un rotondo cinque a zero. Manita, come direbbero gli spagnoli. Ma al di là del risultato non c’è mai stata gara, neppure per un istante. Grande Liverpool, che se è in partita e in...

Il lascito di Astori

Se da una parte "c'è chi aspetta la pioggia per non piangere da solo", come cantava un genovese "troppo coinvolto" per dedicare una canzone al suo amato Genoa, dall'altra c'è chi, in questa settimana, di lacrime ne ha versate tante anche in piena solitudine, senza...

Dall’Italia al Canada: un viaggio atomico

Non dev’essere stato facile il salto di Continente, passare dall’Italia al Canada, dalla Serie A alla MLS. Abitudini assolutamente opposte, stile di vita completamente rivoltato e modi di intendere il calcio e lo sport del tutto differenti e poi lo stadio ed i tifosi....

Addio a Quini, il gemello dimenticato del gol

Solo quello che ci è vicino da un punto di vista temporale viene ricordato. Non so se questa ingiustizia nei confronti di ciò che è più datato sia colpa di una memoria abituata più a vivere per contesti storici/attuali oppure la poca voglia di informarsi, conoscere e...

Che fine ha fatto?

Un momento calcistico tra i più tristi vissuti dai tifosi del Milan nell'ultima quindicina d'anni è senza ombra di dubbio la partenza di Andriy Shevchenko. Un attaccante straordinario, tra i più forti visti nella storia del Diavolo e della città di Milano, capace di...

Soldini, dal Ticino alla Nazionale

Per chi si approccia al calcio non c’è sogno più grande di quella maglia rossa, quella della Nazionale svizzera. Rappresentare il proprio Paese in patria, in Europa e nel mondo è motivo di grande orgoglio, nonché un lusso per pochi. Chi gioca nel Team Ticino non è...

Sottovalutare Michael Carrick

Nel 2005, dopo 20 anni di onorato servizio ai comandi di Alex Ferguson, Roy Keane lascia il Manchester United. E solo un anno prima, era stato il turno di Nicky Butt: due addii che lasciano malinconicamente solo Paul Scholes nella mediana dei Red Devils. Sir Alex,...

Ripartire

Ghoulam ha di fronte a sé la sfida più difficile per un calciatore professionista: tornare al top dopo due infortuni gravissimi al ginocchio. Il modus operandi con cui Sarri ha costruito il Napoli è particolare. L’ex tecnico dell’Empoli ha proposto un’idea di gioco...

Like a Champagne Supernova

«We're not arrogant. We just believe we're the best band in the world», diceva così Noel Gallagher. Era davvero arrogante l’aria che tirava nei sobborghi di Manchester negli anni Novanta? Erano davvero arroganti e sfacciatamente presuntuosi Noel e Liam, gli Oasis?...

La Pantera Nera

Lui non c'è più, ma il suo ricordo è ancora ben nitido nella mente degli appassionati. Divinità in patria, fenomeno nel resto del mondo. Eusébio da Silva Ferreira, o più semplicemente Eusebio, rientra nel lotto degli sportivi capaci di ottenere consensi un po'...

Che fine ha fatto?

"È successo quello che temevamo" diceva lapidario, nell'ottobre del 2012, Cesare Prandelli. L'allora ct della nazionale italiana parlava in questi termini di un calciatore che, pur non militando nel massimo campionato, era riuscito a guadagnarsi le luci dei riflettori...

CORNER IN IMMAGINI

L’ANGOLO DELLE CITAZIONI

Quando apro il giornale, leggo sempre le pagine dedicate allo sport. Vi si parla infatti delle imprese compiute da uomini e donne, e delle loro vittorie. Mentre la prima pagina parla, in genere, dei loro fallimenti.~Earl Warren

SPONSOR