Autore: Francesco Salonna

Da Madrid a Torino: storie di ovazioni

«Ranieri vuole l’ovazione per Del Piero. Ranieri vuole concedere l’ovazione del Bernabeu a Del Piero! Vediamo un po’: sentiamola tutta. Tutti in piedi ad applaudire Del Piero, bellissimo! Grandissima soddisfazione per il Capitano che si inchina al pubblico: tutto in piedi per lui. È una scena meravigliosa, che ricorderà a lungo Alessandro Del Piero e se la merita tutta!» Così Sandro Piccinini il 5 novembre 2008. «Carvajal, dall’altra parte Carvajal contro Alex Sandro, in mezzo a cercare… un goal meraviglioso, un goal meraviglioso di Cristiano Ronaldo, una prodezza di Cristiano Ronaldo per il 2 a 0 Real! E ci...

Read More

Dall’Italia al Canada: un viaggio atomico

Non dev’essere stato facile il salto di Continente, passare dall’Italia al Canada, dalla Serie A alla MLS. Abitudini assolutamente opposte, stile di vita completamente rivoltato e modi di intendere il calcio e lo sport del tutto differenti e poi lo stadio ed i tifosi. Probabilmente la più grande differenza tra il passato ed il presente di Sebastian Giovinco sta proprio sugli spalti e il modo in cui vengono gremiti. Il tifo italiano è passionale, romantico, vivo, dinamico, tralasciando l’inciviltà di chi talvolta ne abusa il termine senza avere la minima idea di quali siano i veri valori dello sport,...

Read More

Like a Champagne Supernova

«We’re not arrogant. We just believe we’re the best band in the world», diceva così Noel Gallagher. Era davvero arrogante l’aria che tirava nei sobborghi di Manchester negli anni Novanta? Erano davvero arroganti e sfacciatamente presuntuosi Noel e Liam, gli Oasis? Forse sì, d’altronde nelle loro uscite non le mandavano di certo a dire o forse no? Forse erano solo terribilmente convinti delle loro capacità? Nessuno può dirlo, ma forse il loro strapotere musicale in Inghilterra nell’ultimo scorcio del Secolo ha qualcosa in comune con una passione che i fratelli Gallagher hanno custodito sin da piccoli e che proprio...

Read More

Less is more, bellezza di uno zero a zero

Less is more. Zero a Zero. Non sempre ciò che appare semplice è scontato, la semplicità spesso cela assurda complessità, equilibri incontrastabili ed inesorabilmente fragili, equilibri dove basta un non nulla affinchè tutto diventi tremendamente dinamico, equilibri flessibili, equilibri variabili, equilibri non proprio in equilibrio. Non è da tutti apprezzare questo paradigma di bellezza, probabilmente in molti apprezzano, infatti, l’opposto. E’ molto facile concepire, a primo impatto, come bello ciò che salta all’occhio in vivacità, in estrosità, ciò che viene, forse anche banalmente, captato da chiunque, ma non per forza deve essere così, che sia arte o architettura, musica...

Read More

La scoperta, l’affermazione e la consacrazione: il 10 italiano

Come fosse meravigliosa arte rinascimentale, sequenza frammentata di poesia, attimi di costante fantasia, eppure il primo urlo in Europa non avviene nella terra d’origine, non stride nell’Italia della prospettiva e della pittura ad olio, no. Due tocchi leggeri per domare la palla, il terzo, invece, secco e deciso e rete che si gonfia sibillinamente, rete falciata da un sinistro sulla sua estremità più distante, rete dello stadio Geōrgios Karaiskakīs trafitta, dimora dei greci dell’Olympiakos, della cultura classica, sì, come se il destino si facesse beffe delle origini, ma al tempo stesso restituisse ciò che ha temporaneamente ed artisticamente sottratto,...

Read More
  • 1
  • 2

CORNER IN IMMAGINI

L’ANGOLO DELLE CITAZIONI

Anche se tutto va male, la ragazza ti lascia, perdi il lavoro, c’è sempre un campionato che inizia a settembre~Nick Hornby

SPONSOR