Autore: Umberto De Marchi

Il ghiaccio e il fuoco: L’Islanda ai Mondiali

Storia Tifare per l’Islanda è diventata una tendenza dopo gli Europei del 2016. E come biasimare chi si è innamorato dei geyser boys? Alla prima partecipazione assoluta, la nazionale della piccola isola scandinava (334mila abitanti, più o meno gli stessi di Bari) ottenne un’incredibile qualificazione ai quarti di finale dopo aver sconfitto l’Inghilterra. Eliminata dalla Francia, poi finalista, la nazionale di capitan Gunnarsson guadagnò l’affetto e il tifo di mezza Europa. Dopo l’impresa, però, l’allora Ct Lagerback terminò il suo incarico e la nuova guida tecnica fu affidata al suo vice: il dentista Hallgrimsson. Ci si aspettava una fisiologica...

Read More

La giovanile esuberanza della Naija

A Febbraio, Nike ha presentato le divise con cui la Nigeria parteciperà per la quinta volta nella sua storia ai Mondiali. E questa presentazione ha assunto un ruolo paradigmatico e significativo per identificare che Nigeria vedremo partecipare ai Mondiali di calcio. Scopriamo la nazionale del futuro: Naija. La maledizione albiceleste Le Super Eagles sono alla quinta partecipazione ai Mondiali, la seconda consecutiva dopo la campagna brasiliana del 2014, conclusasi con l’eliminazione agli ottavi di finale per mano della Francia. E proprio gli ottavi di finale sono il miglior risultato conseguito dalla nazionale africana, capace di superare i gironi per ben...

Read More

L’Empoli in serie A

Il 17 dicembre, a seguito di uno scialbo pareggio con la Cremonese, il presidente dell’Empoli Corsi decide di esonerare Vincenzo Vivarini. I toscani si trovano, infatti, al quinto posto a 5 punti dal Palermo capolista, ma soprattutto emerge la mancanza di quel bel gioco che i tifosi erano abituati a vedere con Sarri, prima e Giampaolo, poi. Vivarini ha una filosofia di gioco molto diversa dai suoi predecessori, che si nota immediatamente all’esordio in campionato. Addio al 4-3-1-2, schema prediletto che aveva esaltato la dinamicità di centrocampisti come Zielinski e Vecino, e messo in luce il talento di Riccardo...

Read More

Il paradosso di Joao Cancelo

L’arrivo di Joao Cancelo all’Inter, nella finestra estiva di mercato, non ha eccessivamente scaldato i cuori dei tifosi nerazzurri, che festeggiavano forse con più gioia la partenza di Geoffrey Kondogbia, ultimo di una lunga lista di oggetti misteriosi passati per il Meazza. Proprio in quella lista, a fine 2017, qualche impaziente tifoso interista ci avrebbe inserito anche il nuovo numero 7 degli uomini di Spalletti. E in effetti l’esperienza nerazzurra di Joao Pedro Cavaco Cancelo, iniziata ufficialmente con le (molte) lacrime all’addio col Valencia nel campo del Las Palmas, è continuata anche peggio con il portoghese che ha rimediato...

Read More

La zona d’ombra dell’NBA

L’ NBA è forse la lega sportiva più mediatica al mondo: il rapporto con i mass-media è la linfa vitale che alimenta e viene alimentata dal basket americano. Basti pensare che il giorno 1 della stagione è tradizionalmente il Media Day, giornata in cui la squadra e i giocatori si presentano alla stampa per foto e dichiarazioni di rito. Come se durante il resto della stagione giornalisti, fotografi e addetti ai lavori non fossero costantemente presenti nella routine dei team NBA… Eppure, in una lega costantemente sotto i riflettori, esistono delle zone d’ombra che sfuggono alla cronaca quotidiana e...

Read More

CORNER IN IMMAGINI

L’ANGOLO DELLE CITAZIONI

Anche se tutto va male, la ragazza ti lascia, perdi il lavoro, c’è sempre un campionato che inizia a settembre~Nick Hornby

SPONSOR