Una “Remontada storica”. La stampa tunisina non ha esitato a qualificare in questo modo il successo per 3-0 dell’Espérance Sportive de Tunis nel match di ritorno della finale della CAF Champions League.

Nell’ultimo atto della massima competizione per club del continente africano, i tunisini hanno ribaltato il 3-1 subito nel match d’andata, in casa dell’Al-Ahly. In un match decisamente teso, gli egiziani si erano imposti anche grazie al favore di alcune dubbie interpretazioni arbitrali, ma nel secondo atto della finalissima, nulla hanno potuto nella tana dei “Sangue e oro”.  La doppietta dell’uomo delle finali Saad Bguir, tra il 45esimo e il 54esimo, ha dapprima acceso i sogni di vittoria dell’Espérance, poi diventati più che mai realtà grazie alla rete della tranquillità di Anice Badri, giunta all’86esimo. 3-0 e terza Champions League in bacheca, dopo i successi del 1994 e del 2011.

Il triplice fischio finale ha dato il via alla festa nello stracolmo Radès, ma anche e soprattutto per le strade di Tunisi. Durante i 90 minuti, la città si era improvvisamente fatta silente, ma è esplosa in tutto il suo calore a fine partita. Dall’adunata improvvisata sull’Avenue Bourguiba, cori, caroselli, bandiere, sciarpate e fumogeni si sono presto trasferiti nella Place Bab Souika, sede del club, per una lunga notte di giubilo e allegria. 

Nella gallery le immagini della festa (© Omar Cartulano):