Autore: Davide Marino

El tricolor: con la storia oltre l’ostacolo insormontabile

STORIA: 1999, Paraguay, Copa America. Essendo un classe 92 è facile avere fisime ingiustificate e inspiegabili e la mia fu per il Messico che in quel torneo arrivò 3º dopo aver perso la semifinale con il Brasile di Rivaldo e Ronaldo ma si consolò con la  finalina battendo il Cile di misura. A distanza di anni mi sono reso conto che quel Messico (probabilmente il più forte mai visto) aveva tante ragioni per essere ammirato, era la nazionale dei Jorge Campos famoso per i suoi completi a dir poco colorati e il numero nove indossato nel corso della sua...

Read More

Addio a Quini, il gemello dimenticato del gol

Solo quello che ci è vicino da un punto di vista temporale viene ricordato. Non so se questa ingiustizia nei confronti di ciò che è più datato sia colpa di una memoria abituata più a vivere per contesti storici/attuali oppure la poca voglia di informarsi, conoscere e scoprire. Il calcio, e lo sport in generale, sono da sempre manifestazioni lampanti di questa abitudine; conta l’ultimo risultato, e ciò che è più contemporaneo viene sempre visto come qualcosa di superiore, a prescindere, agli antecedenti. Recentemente nel campionato spagnolo, grazie ai contemporanei Messi e Cristiano Ronaldo che annichiliscono record su record,...

Read More

Viaggio nella Liga: I cinque diciotto dimenticati

Il nuovo anno è cominciato da poco più di due settimane, è il 2018 e nel calcio la numerologia ha sempre assunto contorni mistici, talvolta creando veri e propri must. Quante volte un numero di maglia indossato anche per caso da un giocatore finisce per diventare tratto distintivo di quest’ultimo e mai più abbandonato, tanto da associare per sempre quel numero solo ed esclusivamente a lui. Esempio principe di questo fenomeno è quello di Johan Cruijff che indossando per la prima volta il leggendario quattordici forse nemmeno pensava venisse cucito in maniera così salda, per sempre, sulla sua pelle....

Read More

Mendieta y De La Pena: Fuoriclasse timidi

Chi disse: “Preferisco avere fortuna che talento”, percepì l’essenza della vita. La gente ha paura di ammettere quanto conti la fortuna nella vita. È l’incipit di Match Point, la celebre pellicola di Woody Allen che mette in scena un talentuoso Jonathan Rhys Meyers ammaliato dalla provocante Scarlett Johansson. La frase può essere estesa a più contesti contemporaneamente o più generalmente alla vita stessa come citato. Il talento è qualcosa di innato, naturale e che non richiede allenamento; d’altro canto la fortuna conferisce al primo un sostanziale aiuto per realizzarsi, ed è vero che aiuta gli audaci ma va anche,...

Read More

Sognando a Panama: I ragazzi dell’11 ottobre

Quando non si ha nulla da perdere, parafrasando Chuck Palahniuk, si diventa incredibilmente sicuri di se stessi. È vero e nel contempo si può acquisire speranza, l’obiettivo sembra essere sempre più alla nostra portata, l’entusiasmo raggiunge vette incredibili e la convinzione rende possibile l’inimmaginabile. Senza andare troppo in là con la fantasia; l’inarrestabile gioia e incredulità sono ad oggi tratti inconfondibili dell’identikit e fanno al caso della nazionale panamense di calcio che a giugno volerà in Russia, per giocare il mondiale, al quale si è qualificata un po’, per caso. Non ha nulla da perdere, senza dubbio, ha strappato...

Read More

CORNER IN IMMAGINI

L’ANGOLO DELLE CITAZIONI

Lo sport va a cercare la paura per dominarla, la fatica per trionfarne, la difficoltà per vincerla~Pierre de Coubertin