Il 2 giugno del 1988 in una calda notte argentina a Buenos Aires nasceva Sergio Leonel Agüero del Castillo. Oggi, per tutti, semplicemente El Kun. Il soprannome (uno degli aspetti più affascinanti del calcio sudamericano e in particolare argentino) deriva da un fumetto, il cui protagonista – Kum Kum il cavernicolo – assomigliava all’attaccante argentino.

Agüero si è fatto notare subito nella sua patria come uno dei migliori, dotato di grande tecnico, velocità e una freddezza sotto porta da bomber di razza. Dopo l’esordio nell’Independiente, si è trasferito all’Atletico di Madrid, con cui ha vinto un’Europa League e una Supercoppa europea.

Il Manchester City, nel 2011, se l’è accaparrato a suon di milioni – 45 – e ad oggi è una delle colonne della squadra, con cui ha vinto tutto in Inghilterra.

La sua storia si è legata con quella del numero uno del calcio argentino, Maradona, avendo Agüero sposato la figlia del Pibe de Oro. Dall’amore tra i due è nato Benjamin. Pensate: figlio di Agüero e nipote di Maradona. Il padrino? Un certo Lionel Messi. Se la genetica conta qualcosa…