Nell’immaginario collettivo il calcio è uno di quegli sport prettamente maschili. Sui quotidiani sportivi almeno il 95% delle pagine dedicate al calcio riguardano la sua veste maschile, così come nella nostra vita di tutti giorni la stragrande maggioranza dei calciatori che conosciamo sono uomini, ragazzi o bambini. Ma non di soli maschi vive questo sport: basta infatti accendere la console e giocare al gioco dedicato al calcio più conosciuto per rendersi conto che tra le possibili squadre selezionabili vi sono pure le nazionali femminili. Ed è parlando di una delle calciatrici più famose dell’ultimo decennio che vogliamo aprire questa nuova rubrica dedicata all’Avvento. Hope Solo è considerata “la Buffon” delle ragazze: nata negli Stati Uniti nel 1981, ha difeso la porta della nazionale a stelle e strisce dal 2000 al 2016, collezionando più di 200 presenze e aggiundicandosi due titoli olimpici, oltre a uno mondiale. Si è distinta pure a livello individuale collezionando diversi premi riservati a giocatrici del suo ruolo. Oltre che per le sue performance in campo, Hope si è fatta conoscere anche al di fuori del rettangolo verde, avendo posato senza veli per ESPN e venendo accusata di violenza domestica ai danni di sorella e nipote. Più recentemente ha pure accusato l’ex presidente della FIFA Blatter di molestie sessuali.