Sabato 16 e domenica 17 novembre al centro sportivo di Macolin si sono svolti i Campionati Svizzeri Individuali di Judo. Un torneo nel quale i migliori atleti svizzeri di tutte le categorie si sfidano per decretare chi sarà il Campione in carica. 

Il judo è una disciplina estremamente complessa da comprendere. Chi non ha mai assaporsto un incontro in prima persona, non può rendersi conto della difficoltà. 

Al di là della mera visione agonistica, il judo è una filosofia di vita, una via educativa atta a formare individui utili alla società: era questa la primaria visione del fondatore Jigoro Kano (1860-1938). 

La competizione e il pensiero del maestro Kano non possono scindersi, ma devono viaggiare a braccetto. E così è stato per gli atleti chiassesi che hanno combattuto a Macolin: Christian Eduard, Manrico Frigerio, Nevò Mirzai e Aros Rosa.

Christian Eduard ha conquistato la medaglia di bronzo nella – 81kg Cadetti. Al suo secondo campionato, Christian ha dimostrato una maturazione tecnica importante. Splendido l’ippon di osoto gari con il quale ha sconfitto l’avversario nella finalina. 

Christian Eduard, terzo posto -81 kg cadetti

Abbiamo chiesto a Christian quali sono le sue sensazioni dopo aver conquistato un traguardo così importante. 

“Provo una grande sensazione di orgoglio e felicità, da migliorare l’aspetto della forza fisica e della grinta, perché avrei comunque potuto fare di più”. 

Nella stessa giornata ha combattuto nei pesi massimi Élite Manrico Frigerio. Il veterano chiassese ha ottenuto anch’egli il terzo posto vincendo con un bellissimo harai goshi. 

“L’avere ottenuto questa medaglia nella categoria élite mi ha fatto provare una grande gioia ed in parte anche una piccola commozione. Avevo la sensazione di meritare questo traguardo per tutti gli anni e l’impegno che ho dedicato nel judo ma il caso o semplicemente la bravura dei miei avversari me lo aveva sempre impedito. Dai miei ultimi campionati del 2014 sono capitate tante cose ma nel mio profondo percepivo questa assenza. Ora che questa medaglia é arrivata mi sento in pace.”

Manrico Frigerio, terzo posto +90 kg élite

Nevò Mirzai (-73 kg), al suo primo anno da juniores ha combattuto quattro incontri vincendone due. Buona la grinta e la solita voglia di arrivare, tuttavia il chiassese si è misurato con avversari altrettanto validi e allenati. Sarà per il prossimo anno.

Aros Rosa, nella categoria pesi massimi juniores, ha ottenuto il quinto posto pur non avendo vinto nessuno dei suoi scontri. A certi livelli, un costante allenamente tecnico e fisico è alla base di ogni buon risultato.

Il prossimo anno i CSI di judo si svolgeranno in quel di Chiasso, per l’esattezza al Palapenz. Nella speranza che gli atleti chiassesi ottengano una medaglia dorata tra le mura amiche, rimandiamo l’appuntamento al prossimo novembre.

Viva il judo!