Francesco Bonfanti, giornalista e conduttore della trasmissione Diretta Stadio in onda su 7 Gold, spazia ai nostri microfoni.

Partiamo subito con una bomba di mercato: Donnarumma. È una strategia delineata da Raiola?
Sicuramente dietro tutto c’è lui, e non potrebbe essere diversamente. E’ il procuratore, ma soprattutto è colui che ha già bene in mente la strategia da adottare con il suo assistito. Lo fece con Ibra e Pogba, lo sta facendo con Donnarumma. Questa estate ha fatto firmare al suo assistito, ma in testa aveva già l’idea di creare scompiglio dopo poco, ed è ciò che sta facendo. Donnarumma è un ragazzo giovane e inesperto che si trova a gestire una situazione difficilissima e troppo più grande di lui. Ma doveva saperlo che con Raiola le cose sarebbero andate così“.

Qual è la squadra che ti ha sorpreso di più?
Sono due: Inter e Lazio. La prima perchè, pur non facendo un grande mercato, sta ottenendo risultati importanti. All’inizio non giocava affatto bene, ultimamente invece ai risultati sta abbinando anche il bel gioco (ad eccezione dell’ultima sfida con la Juve), potendo contare su un ottimo allenatore come Spalletti, il vero colpo di mercato. Anche la Lazio si è mossa poco in estate, ma anche grazie a Simone Inzaghi sta facendo ottime cose. E poi ha centrato i colpi fatti, da Lucas Leiva a Marusic, con la conferma di Milinkovic e l’ottima stagione di Luis Alberto e del solito Immobile“.

Quella che ti ha più deluso?
Non posso che dire il Milan. 230 milioni investiti sul mercato sono una cifra altissima, soldi che in parte si sono rivelati sperperati. Mi riferisco ai vari Andrè Silva, Kalinic, Biglia e Calhanoglu, giocatori che non stanno rendendo come ci si aspettava. E poi manca un attaccante “vero”, quello che garantisce 25 gol a stagione e che al Milan non c’è. Per non parlare poi della questione allenatore: Montella ha sbagliato preparazione, e sul campo si vede“.

L’Inter può seriamente vincere il campionato?
Perchè no? In fondo non ha le coppe, e questo sarà un grande vantaggio soprattutto in primavera, quando le altre squadre potrebbero essere impegnate su più fronti. Non ha grandi alternative in attacco e mi sembra troppo dipendente dai gol di Icardi, ma ha un grande allenatore e un ambiente che adesso ci crede davvero“.

Quanto può incidere il doppio impegno per Juve, Roma e Napoli?
Poco per la Juve, abituata a gestire il doppio impegno da anni. Molto di più per Roma e Napoli, che hanno rose più corte e potrebbero dover sacrificare l’uno o l’altro impegno“.

Ti aspettavi una debacle così importante del Milan? E quali potrebbero essere le cause?Certamente nessuno si sarebbe immaginato un Milan così lontano dalle prime posizioni, anche perchè l’obiettivo dichiarato era quello di tornare in Champions, traguardo ormai impossibile da raggiungere. Le cause sono molteplici: una campagna acquisti fatta più sulla quantità che sulla qualità (sarebbe stato meglio prendere la metà dei giocatori ma inserire veri top player, Aubameyang su tutti che aveva dato piena disponibilità al trasferimento), un allenatore (Montella) che ha continuamente cambiato sistema di gioco e formazione, schierando giocatori come Suso e Bonaventura fuori ruolo. Ma anche la mancanza di un bomber e il difficile inserimento di alcuni nuovi acquisti, in primis Bonucci che non sta facendo la differenza come ci si aspettava, ma anche i vari Andrè Silva, Kalinic, Biglia e Calhanoglu, il cui rendimento fino ad ora è stato insufficiente“.

Gattuso sarà un traghettatore o è una scelta definitiva?
Credo che, al di là delle dichiarazioni di facciata, sia un traghettatore, perchè a giugno il Milan proverà a chiudere per Conte o Ancelotti. Ma non sarà impresa facile, per motivi economici e per la mancata partecipazione alla Champions. Però poi tutto dipenderà da come andrà la stagione: se Gattuso farà molto bene (che vuol dire vincere un trofeo e fare una grande rimonta in campionato) potrebbe sperare di restare“.

Il mercato di “riparazione” si avvicina. Ti aspetti colpi importanti?
No, non credo ci saranno grandi colpi. Il mercato di gennaio è quello in cui si spostano giocatori delusi da altre esperienze e che cercano rivalsa nella seconda parte di stagione. Difficile che siano dei big a muoversi. L’unico nome caldo in questo momento è quello di Donnarumma: se Raiola tirasse troppo la corda e andasse allo scontro potrebbero succedere cose clamorose“.

Un pronostico delle prime 4 classificate della Serie A.
Juve, Inter, Roma, Napoli“.

Sappiamo che in trasmissione molto fa parte del copione. Ti chiedo qual è il “fuori programma” più spontaneo al quale hai assistito?
In realtà in trasmissione c’è anche molta spontaneità e improvvisazione, la scaletta è una linea guida dei temi, ma poi gli ospiti sono liberi di punzecchiarsi e ribattere a loro piacimento. Chi conduce deve fare da arbitro e tenerli un po’ a bada. Personalmente amo molto la “moviola umana”, ovvero quando due ospiti si alzano e provano a simulare ciò che è accaduto sul campo“.