Autore: Giorgio Doninelli

Quel testaccio d’un Ranieri

Roma, Anni ’60. Tra i vicoli del Rione Testaccio un ragazzino prende a calci un pallone. Si chiama Claudio Ranieri. Il suo tocco di palla non è particolarmente eccelso, tanto che dopo il soprannome di “Er Fettina” – il padre era macellaio – si guadagna pure l’appellativo di “Er Pecione”. Eppure, di seguire le orme paterne e consegnare carne ai clienti non ne vuole sapere. Vuole fare il calciatore. Nella sua squadra del cuore. E ci riesce. Poco importa se per farlo, proprio per la sua tecnica tutt’altro che sopraffina, deve trasformarsi da attaccante a terzino. In realtà con...

Read More

Prima nulla, poi di tutto in Italia-Svizzera

Il pubblico, e ci mancherebbe altro, è quello delle grandi occasioni. All’Olimpico, per la Nazionale italiana, non si respirava un’atmosfera del genere dalle “Notti Magiche” di 30 anni fa. Già durante la partita inaugurale di Euro 2020, in cui gli Azzurri hanno battuto a fatica la Turchia, i tifosi avevano fatto la loro parte incitando per 90 minuti i propri beniamini. Ma oggi, contro una squadra che secondo il Ranking Fifa è la 12a più forte del mondo (l’Italia è invece 13a), il pubblico servirà ancora di più. La partita contro la Svizzera si preannuncia piuttosto equilibrata e il...

Read More

Il dilemma di Alaphilippe

Quando ti manca poco a compiere 28 anni devi decidere cosa farai da grande. Cosa farai della tua vita. Il periodo spensierato in cui provi un po’ di tutto, in cui vivi alla giornata, in cui gli sbagli fanno crescere, è finito. È il momento in cui gli errori si pagano, in cui bisogna pensare anche a domani, in cui ci si deve focalizzarsi su qualcosa. A maggior ragione per un ciclista, per il quale la soglia dei 30 anni rappresenta il periodo della maturità. In cui hai accumulato i chilometri e l’esperienza che mancano a un 20enne, ma...

Read More

Il cobra vittima del suo morso

Riccardo Riccò aveva tutte le carte in regola per essere l’erede naturale di Pantani. Sia per come attaccava le salite, sia per essere cresciuto sulle stesse strade del Pirata. Emiliano-romagnolo uno, romagnolo-emiliano l’altro. Ma dopo soli due anni da professionista viene trovato positivo al CERA (l’EPO di terza generazione) e squalificato. Lezione imparata? No, «perché per vincere doparsi è indispensabile» e così il suo rientro nel ciclismo che conta dura meno di un anno. La sua seconda squalifica (di 12 anni) scadrà nel 2024, quando Riccò di anni ne avrà 40. Se non è una radiazione a vita, poco...

Read More

Lo sport ai tempi del coronavirus

Il coronavirus ha contagiato anche lo sport. La sua diffusione ha portato all’introduzione di misure drastiche dapprima nel Nord Italia, poi in Ticino e infine in tutta la Svizzera. Ma non ha risparmiato nemmeno il resto del Mondo. Nel Bel Paese, quattro partite di calcio sono state rinviate lo scorso weekend. La stessa sorte è toccata a cinque incontri in programma questo fine settimana (fra i quali spicca il derby d’Italia Juventus-Inter). Si ferma il calcio e si fermano anche altri sport come basket, volley, rugby: tutto sospeso. Anche in Ticino il Governo deciso di chiudere le porte per...

Read More

CORNER IN IMMAGINI

L’ANGOLO DELLE CITAZIONI

Alcuni pensano che il calcio sia una questione di vita o di morte. Non sono d’accordo. Posso assicurarvi che è molto, molto di più~Bill Shankly