Autore: Elias Bernasconi

Il cacciatore di record che ha reso possibile l’impossibile

Se è stato soprannominato lo Squalo di Baltimora, il Cannibale, vi è una validissima ragione. Michael Phelps sembra nato per polverizzare record. Ed è quello che il ragazzo del Maryland ha saputo fare in vasca fin dalla giovanissima età, affermandosi con il passare del tempo come uno dei nuotatori più forti di tutti i tempi, oltre a detenere il titolo di atleta più iridato di sempre nella storia delle Olimpiadi moderne. I primi contatti con l’acqua clorata avvengono all’età di 7 anni. Affetto dal disturbo da deficit di attenzione e iperattività, il nuoto costituisce per lui un’ottima valvola di...

Read More

L’ultimo tuffo in ricezione di Rob Gronkowski

La fine di un’era. È con queste parole che la NFL ha ripreso la notizia che ieri sera ha messo in subbuglio il panorama del football americano: Rob Gronkowski, considerato uno dei migliori tight end di tutti i tempi, ha deciso di ritirarsi. L’annuncio lo ha voluto dare lo stesso giocatore attraverso un lungo post pubblicato sul suo account Instagram. In quello che forse è il passaggio più significativo del messaggio, il 29enne di Buffalo ha scritto: “Grazie a tutti coloro che hanno accettato chi sono e la dedizione che ho messo nel mio lavoro per essere il miglior...

Read More

Baker Mayfield, l’atteso bagliore nella notte di Cleveland

635 giorni. È questo il lasso di tempo che è passato dall’ultima volta che i Cleveland Browns erano riusciti a portare a casa una vittoria. Era la vigilia di Natale del 2016: il field goal mancato dal kicker dei San Diego Chargers Josh Lambo a tempo scaduto sancisce la vittoria per 20-17 della franchigia dell’Ohio. La prima ed ultima di quella stagione. Nel 2017 la squadra del sempre più esasperato magnate Jimmy Haslam riesce a fare anche peggio: 0 vittorie e 16 sconfitte. In un mondo, quello della NFL, dove le partite sono poche e tutto è più enfatizzato,...

Read More

CORNER IN IMMAGINI

L’ANGOLO DELLE CITAZIONI

Quando apro il giornale, leggo sempre le pagine dedicate allo sport. Vi si parla infatti delle imprese compiute da uomini e donne, e delle loro vittorie. Mentre la prima pagina parla, in genere, dei loro fallimenti.~Earl Warren