Il calcio, o meglio, il soccer, è sempre più diffuso negli Stati Uniti, grazie anche alle star europee che negli ultimi anni si sono trasferite nel Paese a stelle e strisce per concludere le carriere in MLS. Soccer.com, tra i più grandi rivenditori di articoli calcistici negli USA, ha rivelato quali sono state le magliette più comprate durante il periodo dall’1 ottobre al 22 novembre. A trionfare in questa speciale classifica è Messi, che precede l’idolo di casa Pulisic. Chiude il podio Cristiano Ronaldo. Quarto Mbappé, quinto Rashford. Nessuna grande sorpresa, dunque, se non l’assenza di Neymar nella top-5.

La top-5 delle maglie più vendute a livello globale negli USA

Molto più interessante è la situazione se si analizza Stato per Stato, guardando qual è il giocatore ad aver venduto più magliette. Confrontando questi dati con il risultato delle recenti presidenziali, si nota una certa correlazione tra Biden-Messi e Trump-Pulisic. L’argentino è infatti il più richiesto negli Stati in cui si sono imposti i Democratici di Biden, mentre il padrone di casa prevale in quelli Repubblicani, finiti a Trump. I due calciatori si spartiscono 19 Stati a testa. Ma contando il numero di grandi elettori, in un’ipotetica sfida presidenziale tra i due, a vincere sarebbe il numero 10 del Barcellona, che avrebbe conquistato oltre 270 grande elettori, un centinaio in più dell’idolo di casa che milita nel Chelsea.

Le magliette più vendute Stato per Stato

A differenza di quello che capita nelle presidenziali statunitensi, non sono stati solamente in due a spartirsi i 538 grandi elettori in palio. Oltre a Messi e Pulisic, anche Cristiano Ronaldo si è assicurato 61 grandi elettori (6 Stati). Ma ancor più sorprendete è quanto emerso in sei singoli Stati. Alli è il più popolare in Vermont, Rashford in Alaska, Martial nelle Hawaii, Bruno Fernandes in North Dakota, Mané in Oregon e, udite udite, Bonucci in South Dakota.

La ripartizione degli Stati tra Biden e Trump