Il 10 e l’11 giugno 2017, presso il centro svizzero per paraplegici di Nottwil, si è svolto un campo sportivo per bambini con disabilità fisiche organizzato dall’Associazione Svizzera per Paraplegici. Al campo hanno partecipato 24 bambini, accompagnati dalle loro famiglie, provenienti da quasi tutta la svizzera. Sedici di questi convivono con una disabilità che li costringe a muoversi ogni giorno con l’aiuto di una sedia a rotelle. Non per questo motivo però rinunciano alle emozioni derivanti dalle attività sportive, impegnandosi al meglio per sovrastare i propri limiti, divertendosi in compagnia. Questi piccoli uomini riescono a praticare qualsiasi sport grazie all’aiuto di monitori formati per adattare l’attività ad ogni patologia.

Il tema proposto per lo sviluppo di questo campo di puro divertimento è stato un particolare personaggio giapponese: “Il guerriero Samurai Sanada Yuhimura”. Ai bambini è stata raccontata la storia di un antico guerriero che da bambino sognava di diventare un vero combattente capace di mantenere le sue decisioni, essere onesto e coraggioso, mostrare rispetto per i più deboli, donare amore e buona volontà ed essere sempre sincero. A questo proposito, è stata data una fascia personalizzata da mettere sulla fronte. Su queste bende veniva poi scritto il nome, in modo da immedesimarsi in un vero e proprio Samurai.

Le attività proposte nel weekend sono state diverse e non unicamente sportive. Sono stati proposti dei percorsi di agilità sotto forma di staffette a squadre con lo scopo di sensibilizzare il bambino verso le difficoltà che potrebbe incontrare con la sua carrozzina nella vita di tutti i giorni.

L’Aikido, una tecnica di combattimento giapponese, è stata l’attività principale del week-end. Questa particolare disciplina è servita per trasmettere ai bambini le tecniche del combattimento di autodifesa e le emozioni del duello leale nel gioco. L’equitazione ha permesso ai partecipanti di provare l’emozione di una cavalcata tra la natura del centro, mentre il nuoto ed il kayak in piscina sono state le attività finali di weekend sportivo, conclusosi con un piccolo concerto organizzato da un gruppo locale.

Partecipare a questo campo è stato per me emozionante; vedere i sorrisi sui volti di questi bambini sottolinea il vero obiettivo raggiunto dall’evento. Sono stati due giorni di completa serenità sia per i bambini sia per le loro famiglie, che di tanto in tanto venivano a osservare i loro figli cimentarsi nei vari sport proposti. Va anche sottolineato il fatto che in questa due giorni i fratelli e le sorelle sono stati invitati a usare la sedia a rotelle per comprendere cosa implichi convivere quotidianamente con questo strumento.

L’associazione svizzera per paraplegici si occupa da anni di organizzare questi appuntamenti. Lo scopo è quello di coinvolgere un numero sempre più grande di bambini disabili, in modo da riunirli in eventi sportivi che possano creare amicizie e proporre nuove attività sportive.
Il prossimo ottobre sarà organizzato nel nostro Ticino il “Kids day” per bambini in sedia a rotelle. L’evento si svolgerà in una giornata caratterizzata da diversi giochi sportivi, musica e altre sorprese. La speranza è quella di attirare anche nel nostro cantone tanti partecipati e di poter raccogliere alla fine della giornata un grande numero di sorrisi!

Sabina Rapelli