Se in campo deve condividere il titolo di miglior giocatore al mondo, per tutto lo showbitz, Cristiano Ronaldo è in assoluto il calciatore più alla moda. Ma non solo, grazie al marketing e al suo personal branding è lo sportivo più pagato al mondo. Questo lo deve alle numerose aziende che hanno deciso di legare il loro nome a quello di CR7, consapevoli, a loro volta, della potenza di una pubblicità fatta dal calciatore portoghese.

Tra gli sponsor di Ronaldo, non mancano, ovviamente, nomi legati al mondo della moda. In primis, Nike, con cui il calciatore ha siglato un contratto a vita – prima di lui, lo hanno fatto anche Micheal Jordan e LeBron James (pensiamo che solo questo accordo, annualmente, porta nel conto bancario di CR7 circa 30 milioni di dollari); American Tourister, azienda che produce accessori da viaggio, la quale lo ha scelto per la campagna pubblicitaria del 2018; JBS, società danese di abbigliamento con cui ha creato una linea di intimo; Tag Heuer, produttore di orologi; ecc. Escluso il colosso americano, si tratta di aziende che hanno poco a che fare con il mondo dello sport, ma scelgono Cristiano Ronaldo proprio perché la sua risonanza va oltre il rettangolo di gioco.

Per tutte queste aziende, essere rappresentate dall’asso portoghese è estremamente importante. CR7 ha un pubblico enorme di seguaci, in campo ma anche sui social, l’ambiente forse più importante parlando di “materie economiche” come la moda. Ronaldo è un influencer a tutti gli effetti. Tutto quello che indossa, dall’abbigliamento ai gioielli, diventa un trend di moda. Le persone comprano un capo di abbigliamento solo perché il calciatore lo ha indossato. Lui guadagna mostrando i prodotti ma, a loro volta, anche le aziende guadagnano e parecchio. Questo è l’effetto CR7.

Nel 2012 viene lanciata la prima capsule in collaborazione con Nike. Alle origini comprendeva capi di performance e capi sportivi per il lifestyle. Oggi possiamo comprare, oltre al tradizionale outfit da gioco, altri generi di accessori (come palloni, zaini, ecc.), giacche, tute e scarpe da training, tutto rigorosamente firmato CR7.

Da sempre, è attento alla moda. In ogni sua apparizione pubblica non manca mai di essere impeccabile. Studia il suo look in ogni minimo dettaglio: dalla T-shirt al jeans, che deve essere rigorosamente skinny, ai gioielli, alla montatura degli occhiali. Il punto fermo è sempre uno: il logo, infatti, è sempre attento a metterlo bene in mostra. Il calciatore frequenta posti alla moda e gente alla moda; infatti, proprio ad un party di Dolce&Gabbana ha incontrato la sua attuale fidanzata.

Ronaldo vanta, tra le tante, anche una collaborazione con Giorgio Armani, il Re della moda mondiale. Nel 2010 venne scelto come testimonial della collezione primavera/estate per Emporio Armani Underwear e Armani Jeans, accanto alla bellissima Megan Fox. Cristiano ha poi subito ben capito quanto potesse essere importante la sua immagine legata ad un capo di intimo tanto da creare, presto, un suo marchio.

Il brand CR7 nasce nel 2013 e, inizialmente, comprendeva solo una linea di underwear. Con il successo ottenuto, ha lanciato, due anni dopo, una linea di profumi, la Cristiano Ronaldo Legacy; oggi vi possiamo trovare: eau de toilette, eau de parfum, deodoranti e vari prodotti per l’igiene del corpo. Cristiano Ronaldo Limitless è, invece, la linea denim (che non poteva certo mancare per un grande appassionato). Quando è stata lanciata sul mercato, comprendeva solo vari modelli di jeans a cui, successivamente, si sono aggiunte camicie e giacche.

Fonte: luxgallery.it

Dall’autunno scorso, Yamamay ha firmato un contratto con il marchio CR7, diventando un partner strategico per sviluppare il brand di Ronaldo in Italia.

Insomma, possiamo dire che tutto quello che fa Cristiano Ronaldo, quello che indossa, dove va in vacanza, le macchine che guida, quello che mangia, come si allena, ecc.; tutto quello che costruisce, il suo lifestyle, è di tendenza, è un trend intorno a cui ruotano denaro, pubblicità e, soprattutto, collezioni di moda.