10. X. O dieci. Il numero dieci nel calcio ha un’importanza senza eguali. Chi non si è mai visto – soprattutto da bambino – con indosso la maglietta numero dieci della sua squadra del cuore, o della Nazionale?

Fra tutti i numeri di maglia che sono sopravvissuti all’epoca delle liberalizzazioni selvagge, dell’avvento dei 99, dei 1+9, e chi più ne ha più ne metta, ce n’è uno che ha mantenuto immutato il suo valore: il dieci. Il 10 rimane il più evocativo, composito e intrigante numero che abbia calcato un campo da calcio. Nessun’altra cifra è capace di sollevare quelle folle, di farle emozionare. Non è dietrologia, il numero dieci è il riassunto della magia del calcio. Da Pelé a Francesco Totti, passando per Maradona e Platini.

Dieci, come l’anniversario che festeggia il Team Ticino quest’anno. Dieci anni, un lasso di tempo importante, da festeggiare con fierezza, ma con l’occhio critico sempre vigile. Un piccolo traguardo raggiunto su cui però non bisogna adagiarsi, per crescere e migliorare anche in futuro. In questi due lustri il Team Ticino ha fatto molto per il calcio ticinese, si vedano i giocatori formati nel sodalizio che oggi giocano stabilmente nei campionati professionistici svizzeri (tre in Super League – Tosetti, Rapp e Mihajlovic – e una ventina in Challenge League), nonché alcuni in giro per l’Europa (Alessandro Martinelli in Italia al Brescia in, Saulo Decarli in Germania all’Eintracht Braunschweig e Mario Gavranovic in Croazia al Rijeka). Tra le note liete da segnalare anche le convocazioni di ragazzi del Team Ticino, chiamati a rappresentare il Ticino nelle rappresentative giovanili della Nazionale Svizzera. Risultati importanti per il partenariato più piccolo della Svizzera.

Nell’anno dei festeggiamenti sono quattro le squadre che difendono i colori ticinesi nei campionati juniores d’élite: il Team Ticino Under 15 Credit Suisse Football Academy (CSFA), il Team Ticino Under 15, il Team Ticino Under 16 e il Team Ticino Under 18 (nella foto in evidenza). Quattro squadre per un totale di circa cento ragazzi, dai 14 ai 17 anni. Tutti con un sogno: riuscire a fare della propria passione un lavoro e poter vivere di quello. Un sogno su cui costruire un impegno continuo, senza però tralasciare la scuola e la crescita umana.