Si aprirà con la sfida di questa sera tra Ginevra e Losanna la National League 2017/2018. In attesa di un altro derby, quello ticinese tra Lugano e Ambrì di domani, Corner vi porta alla scoperta del nuovo campionato, analizzando nel dettaglio ogni squadra al via. Oggi si parlerà di Berna, Zurigo, Davos, Losanna, Friborgo e Langnau.

BERNA

Stagione 2016/2017: 160 gol fatti, 114 gol subiti, primo in regular season, campione svizzero

Il Berna di Kari Jalonen si presenta nuovamente come grande favorito per la vittoria finale. Durante l’estate gli Orsi hanno sì dovuto far fronte a partenze eccellenti, basti pensare all’addio dell’americano Ryan Lasch (51 punti in 62 partite tra regular season e playoff), a quello dell’esperto canadese Aron Gagnon e al probabile ritiro del veterano Martin Plüss; ma non hanno badato a spese per sostituirli. Alla Postfinance Arena hanno infatti trovato casa elementi del calibro di Mika Pyörälä, Top Scorer del Kärpät di Oulu e già capace di mettersi al collo un oro, due argenti e un bronzo ai Mondiali con la Finlandia, del canadese Mason Raymond, 31enne dalle spiccate doti offensive con alle spalle ben 546 incontri in NHL, e di Gaetan Haas, uno dei centri più forti dell’interna National League. Insomma, la squadra della Capitale appare ulteriormente rinforzata davanti, soprattutto sul fronte stranieri, ben consolidata dietro e sorretta da un signor portiere come Leonardo Genoni.

Valutazioni

  • Punto forte: gli stranieri
  • Punto debole: –
  • La star: Mark Arcobello (top scorer NLA 2016/2017)
  • La possibile sorpresa: Dario Meyer

Ruolo per ruolo

  • Portieri: ++++
  • Difensori: +++++
  • Attaccanti: +++++
  • Allenatore: ++++

Pronostico Corner: PRIMO


ZURIGO

Stagione 2016/2017: 166 gol fatti, 115 gol subiti, secondo regular season, eliminato ai quarti nei playoff

Dopo due eliminazioni filate ai quarti di finale in casa Zurigo c’è voglia di rivalsa. L’ennesimo fallimento rappresenterebbe infatti un durissimo colpo per i Lions, che quest’anno dovranno gestire un ambiente carico di pressione derivante dalla necessità di fare risultato, o meglio, di vincere. Non sarà semplice, perché il Berna pare un gradino sopra tutti, ma sicuramente la squadra di Hans Wallson potrà portare sul ghiaccio diversi argomenti interessanti. In primis il talento e l’esperienza dei suoi quattro stranieri: Kevin Klein, Mattias Sjögren, Fredrik Pettersson e Drew Shore. Giocatori che non hanno bisogno di presentazioni, con il primo che cercherà di aggiungere muscoli e carattere ad una squadra che ha spesso toppato nei momenti chiave del recente passato anche a causa di una certa mancanza di leadership. Hanno invece salutato l’Hallenstadion diversi elementi che sembrano ormai aver già espresso il meglio nella loro carriera, come Ryan Shannon e Patrick Bärtschi (entrambi ritiratisi), oppure Morris Trachsler, Luca Cunti e Patrick Thoresen. Discorso diverso per David Rundblad, 26enne di talento ma ampiamente rimpiazzato dal già citato Kevin Klein. In porta i Lions potranno continuare a contare sulle certezze Niklas Schlegel e Lukas Flüeler: la staffetta tra i due andrà però gestita meglio nel corso dei playoff.

Valutazioni

  • Punto forte: il talento
  • Punto debole: la gestione della pressione
  • La star: Kevin Klein
  • La possibile sorpresa: Jerome Bachofner

Ruolo per ruolo

  • Portieri: +++++
  • Difensori: ++++
  • Attaccanti: ++++
  • Allenatore: +++

Pronostico Corner: TERZO


DAVOS

Stagione 2016/2017: 152 gol fatti, 135 gol subiti, quinto in regular season, eliminato in semifinale nei playoff

Si è mosso quasi esclusivamente sul mercato degli stranieri il Davos di Arno Del Curto, ma quanto basta per poterlo definire oggi rinforzato. Gli ingaggi di Broc Little, ala americana con una media di un punto a partita in Svezia con la maglia del Linköping, ma soprattutto di Magnus Nygren, capitano e leader (con spiccate doti offensive) della difesa del Färjestad, hanno permesso ai grigionesi di compiere un salto di qualità rispetto alla scorsa stagione. Dick Axelsson e Tuomo Ruutu non mancheranno di certo. Tuttavia, il giovanissimo reparto arretrato dei gialloneri (con una media di 23 anni!) non convince in toto: sembra mancare l’esperienza necessaria per arrivare fino in fondo. Discorso simile per la coppia di portieri formata da Gilles Senn e Joren Van Pottelberghe: il talento è indiscutibile ma la sensazione è che manchi ancora uno step per inserirsi tra i top della lega.

Valutazioni

  • Punto forte: la rapidità offensiva
  • Punto debole: una difesa inesperta
  • La star: Magnus Nygren
  • La possibile sorpresa: Nando Eggenberger (ma non solo…)

Ruolo per ruolo

  • Portieri: ++
  • Difensori: +++
  • Attaccanti: ++++
  • Allenatore: +++++

Pronostico Corner: QUINTO


LOSANNA

Stagione 2016/2017: 154 gol fatti, 139 gol subiti, quarto in regular season, eliminato ai quarti nei playoff

Confermato il quartetto di stranieri composto da Jonas Junland, Nicklas Danielsson, Harri Pesonen e Dustin Jeffrey, il Losanna è la squadra che più si è rinforzata sul fronte elvetico. Separatisi da Federico Lardi, Thomas Deruns, Paul Savary, Gaetan Augsburger e Benjamin Antonietti, giocatori che ricoprivano un ruolo marginale nello scacchiere di Dan Ratushny, i vodesi hanno messo sotto contratto elementi dal grande talento, potenzialmente da prime due linee. Sandro Zurkirchen (portiere, Ambrì), Lukas Frick (difensore, Kloten) e gli attaccanti Sandro Zangger (Zugo) e Joel Vermin (Tampa Bay Lighting), saranno chiamati a dover garantire quel salto di qualità necessario per conquistare un posto nelle semifinali dei playoff, finora mai raggiunte dal momento della promozione. La sensazione dalle parti di Malley è sì che si sia fatto un’ulteriore passo in avanti, ma che non sia ancora abbastanza per poter fronteggiare con le migliori del panorama elvetico. Poco importa, la direzione intrapresa è quella giusta.

Valutazioni

  • Punto forte: la coppia di portieri
  • Punto debole: terza/quarta linea non ancora al top
  • La star: Jonas Junland
  • La possibile sorpresa: Johnny Kneubühler

Ruolo per ruolo

  • Portieri: +++++
  • Difensori: +++
  • Attaccanti: +++
  • Allenatore: +++

Pronostico Corner: SETTIMO


Friborgo

Stagione 2016/2017: gol fatti 130, gol subiti 177, undicesimo in regular season, salvo nei playout

Reduce da una stagione che definire catastrofica è dire poco, il Friborgo ha radicalmente cambiato pelle nel corso dell’estate. Tanti sono stati i movimenti dalle parti della BCF Arena, a cominciare dai portieri. Riuscito in qualche modo a convincere l’elvetico Reto Berra, Christian Dubé si è visto passare da eroe a incompetente in un attimo, quando l’NHLer ha fatto valere una clausola nel suo contratto per tornarsene immediatamente in America. Quale la colpa del DS? Quella di aver nel frattempo ceduto il criticatissimo Benjamin Conz all’Ambrì. Ora il Friborgo si ritrova con Barry Brust, canadese che esclude di fatto uno spazio ad un quarto straniero di movimento: non una mossa azzeccatissima. Ha invece convinto il colpo Jonas Holos, difensore completo cercato da diverse altri compagini di National League, un po’ meno quello dell’attaccate americano del Ginevra Servette Jim Slater. Sarà inoltre da valutare l’impatto con il campionato svizzero del neotecnico Mark French, ma tutto dipenderà dalla voglia di riscatto dei giocatori. La qualità, vedi Julien Sprunger, Andrei Bykov, Roman Cervenka, c’è, ora bisogna lavorare, sperando in uno spogliatoio unito e sano.

Valutazioni

  • Punto forte: le prime due linee offensive
  • Punto debole: la difesa
  • La star: Julien Sprunger
  • La possibile sorpresa: Nelson Chiquet

Ruolo per ruolo

  • Portieri: ++++
  • Difensori: ++
  • Attaccanti: ++++
  • Allenatore: ++

Pronostico Corner: NONO


LANGNAU

Stagione 2016/2017: 124 gol fatti, 154 gol subiti, 10° in regular season, salvo nel girone dei playout

La scorsa è stata una stagione tutto sommato positiva per il Langnau, addolcita dalla salvezza conquistata senza passare per la finale dei playout, i bernesi sono pronti a catapultarsi nel nuovo campionato con una formazione che rispecchia le qualità della scorsa annata. I cambiamenti sono stati parecchi, ma il bilancio tra entrate ed uscite può essere considerato addirittura positivo. Gli arrivi di Eric Himelfarb (dal Turgovia), canadese che riceverà il passaporto svizzero e di Emanuel Peter (dallo Zugo), sommati al ritorno di Anton Gustafsson dal Friborgo, permettono ad Heinz Ehlers di poter contare su tre centri di esperienza, che potranno rivelarsi piacevoli sorprese se sapranno tornare al livello delle loro migliori stagioni. Con un budget ridotto, il direttore sportivo Jörg Reber ha inoltre saputo comporre un quartetto di stranieri di discreto livello, che sembra poter garantire un buon numero di punti. Tutto però dovrebbe girare nella giusta direzione affinché il sistema di gioco difensivo del tecnico danese possa portare ad un risultato migliore rispetto allo scorso campionato.

Valutazioni

  • Punto forte: la Ilfis, il Langnau in casa sa dare il meglio di sé stesso
  • Punto debole: la difesa
  • La star: Eero Elo
  • La possibile sorpresa: Anton Gustafsson

Ruolo per ruolo

  • Portieri: +
  • Difensori: ++
  • Attaccanti: +++
  • Allenatore: ++++

Pronostico Corner: UNDICESIMO