Bayern Monaco – Arsenal è probabilmente il match più attrattivo fra quelli proposti negli ottavi di finale di Champions League, assieme al duello fra PSG e Barcellona. La sfida fra inglesi e tedeschi sarà però in concomitanza con un interessante Real – Napoli, che attirerà l’attenzione della maggioranza degli italofoni. E allora perché uno dovrebbe rinunciare alla partita fra le due ex squadre di Higuain?

Precedenti

Le due squadre si sono affrontate 10 volte, tutte dal 2000 in avanti. Il Bayern Monaco ha ottenuto 5 successi, l’Arsenal 3, mentre i pareggi sono stati 2. È però interessante notare che i tedeschi hanno eliminato gli inglesi dalla Champions a 3 riprese (2005, 2013 – quando vinsero il trofeo – e 2014), sempre agli ottavi. Anche l’anno scorso Bayern e Arsenal hanno dovuto incrociare le armi, questa volta nella fase a gironi: 2-0 per i Gunners a Londra, 5-1 per i Bavaresi a Monaco (per l’Arsenal la sconfitta esterna più pesante di sempre in Europa).

Quattro doppi confronti negli ultimi 5 anni, niente male. Ma se sulla panchina degli inglesi c’era sempre Wenger, in carica dal 1996 (!) e unico allenatore al mondo ad aver perso le finali delle 3 maggiori competizioni UEFA, su quella dei tedeschi si sono avvicendati 3 allenatori: Heynckes, Guardiola e Ancelotti, giunto in Baviera l’estate scorsa. Sarà inoltre l’occasione per vedere all’opera due fra le migliori prime punte al mondo, Giroud e Lewandowski (coadiuvato da Müller, sempre in gol nelle ultime 3 stagioni contro l’Arsenal)

Andamento stagionale

Il Bayern Monaco è stato rimproverato nella prima parte di stagione a causa del mancato dominio in Bundesliga (dovuto però più a meriti del sorprendente Lipsia che a demeriti propri) e del secondo posto nel Gruppo D in Champions, dietro all’Atlético e davanti al Rostov e al PSV. La squadra di Ancelotti giocherà dunque l’andata all’Allianz Arena, un vero fortino, basti pensare che i bavaresi in CL hanno vinto le ultime 15 partite casalinghe (record della competizione).

Il ritorno si disputerà invece all’Emirates, visto che l’Arsenal ha chiuso al comando e senza sconfitte il proprio girone (che comprendeva PSG, Ludogorets e Basilea): l’ultima volta che accadde, raggiunsero la finale (2006), poi persa 2-1 contro il Barcellona. In Premier League gli uomini di Wenger devono invece inseguire il Chelsea, che dopo la netta vittoria nello scontro diretto di una decina di giorni fa appare ormai irraggiungibile.

Pronostico

I bookmakers danno per favorito il Bayern, e non ci sono dubbi. I precedenti, il valore della rosa e il fatto che sia ritenuta da tutti una delle principali pretendenti alla vittoria della Champions parlano chiaro. Inoltre, i tedeschi hanno raggiunto almeno la semifinale nelle ultime 5 edizioni, mentre gli inglesi sono usciti agli ottavi nelle ultime sei stagioni.

Infine il vincente Ancelotti si esalta nelle partite da dentro o fuori e, per sua stessa ammissione, “preferisce la Coppa” (magari abbinata a un po’ di Culatello e a un buon Lambrusco emiliani). Il perdente Wenger, da buon francese, ai salumi predilige formaggi e ostriche. Ma lo Champagne, con cui si sposano perfettamente, è al fresco da ormai troppo tempo.